Mutuo casa: surruga, sostituzione o rinegoziazione? | Chicercacasa.it
Prec    Succ

Mutuo casa: surruga, sostituzione o rinegoziazione?

13 febbraio 2017

Cambiare mutuo e scegliere condizioni migliori.

La pesante crisi che ha investito il settore della casa e i suoi operatori, ha spaventato e travolto anche i piccoli risparmiatori. In molti casi, penalizzandoli anche.

Il mercato finanziario negli ultimi sette anni ha cambiato completamente volto, i tassi d’interesse sono scesi al minimo storico, il denaro costa meno, le condizioni dei nuovi mutui si sono adeguate ai nuovi parametri finanziari e così i costi dei nuovi prestiti sono scesi di molto. Ma in questo cambiamento generale a rimetterci un po’ di soldi si sono trovati anche i piccoli risparmiatori con in corso mutui sottoscritti prima della Grande Crisi. In più questi anni di crisi economica hanno causato una certa difficoltà nell’ottenere i mutui.

Tuttavia chi è riuscito ad ottenerlo potrebbe averlo fatto con condizioni migliori rispetto a chi lo ha stipulato in tempi precedenti. Ci sono però delle vie di fuga. Soluzioni per risparmiare, per esempio, consistono nel chiedere una surroga (ormai senza costi) o una sostituzione del mutuo stesso. Vediamo in che cosa consistono e come fare.

Surroga - Più in dettaglio la surroga permette di spostare il mutuo presso un’altra banca a costo zero, modificando i parametri del mutuo stesso (durata, tasso) senza però variare il debito residuo.

Sostituzione - La sostituzione invece corrisponde a chiudere (estinguendolo) il vecchio mutuo, per poi stipularne uno nuovo. In questo secondo caso è possibile chiedere una somma aggiuntiva. In questo modo è possibile sfruttare la riduzione dei tassi di interesse e lo spread in calo.

Rinegoziazione - Una strada che viene meno perseguita è la rinegoziazione con la propria banca, un’alternativa più rapida ma che non funziona molto spesso. In caso di successo, l’operazione sarebbe a costo zero, ma neanche in questo caso è possibile modificare il debito residuo.

Vantaggi - Surroga e sostituzione consentono di ottenere risparmi fino a 3mila euro l’anno e per questo sempre più spesso vengono sfruttate, secondo quanto risulta dai dati analizzati dall’Osservatorio sul mercato dei mutui di MutuiOnline.it: a gennaio 2015 è cresciuto il numero dei mutui erogati per sostituzione e surroga, arrivando a quota 53,8%, sia rispetto al primo semestre 2014 (11,2%) che al secondo (32,1%).

Il risparmio è notevole anche per i mutui stipulati diversi anni fa, secondo le stime di MutuiOnline.it, per chi ha un mutuo a tasso fisso acceso tra il 2002 e il 2013 con valore iniziale di 120mila euro e durata dai venti ai trenta anni, approfittare della possibilità di surroga o di sostituzione del finanziamento consentirebbe un risparmio medio che va da 30 mila ai 40 mila euro totali. Per i mutui stipulati dal 2010 in poi il risparmio può arrivare fino a 80 mila euro.

ARTICOLICORRELATI

Tutte le misure e le agevolazioni proroga...

Compare casa approfittando delle nuove agevolazioni, degli incentivi e degli sconti fiscali: l’Iva sulla prima casa, tasse ipotecarie, trascrizioni ...

Continua a leggere

Come assicurare casa anche in affitto

Assicurare casa. Di fronte a queste parole generalmente le persone cadono in due reazioni opposte: in un caso, appena si ...

Continua a leggere

chicercacasa
quilatrova