Termovalvole: in lombardia scattano le multe | Chicercacasa.it
Prec    Succ

Termovalvole: in lombardia scattano le multe

30 Gennaio 2017

Abbiamo scherzato, verrebbe da dire. Peccato, però, si tratti veramente di un gran brutto scherzo.

La proroga di sei mesi al 30 giugno 2017, per installare le termovalvole ai propri caloriferi, rispetto alla scadenza dello scorso 31 dicembre 2016, approvata dal Consiglio dei ministri con il decreto Milleproroghe (proprio l’ultimo giorno dell’anno), non ha alcun valore in Lombardia.

E’ come se non fosse mai stato approvato, avendo la Lombardia recepito la direttiva europea con una propria legge regionale. Un rinvio in Lombardia vale solo se la proroga avviene con una nuova legge regionale.

Quindi, per tutti i cittadini lombardi che vivono in un appartamento di un condominio e hanno l’impianto termico centralizzato, non solo non esiste alcun rinvio dell’obbligo di adeguarsi alla norma. Ma se oggi non si sono ancora messi in regola stanno rischiando pesantissime multe: da 500 fino a 2.500 euro. E in Lombardia i controlli sono già iniziati.

La precisazione arriva proprio dalla regione Lombardia, la quale fa sapere, attraverso la società Infrastrutture Lombarde, che la proroga di 6 mesi dei termini per l’installazione della contabilizzazione non ha effetto e che una eventuale proroga della scadenza per l’installazione dei dispositivi per la termoregolazione e la contabilizzazione del calore può essere definita solo con legge regionale. Non solo: essendo questa legge di recepimento di una direttiva Europea, non si esclude nemmeno che l’Europa apra contro l’Italia una procedura d’infrazione.

Infatti, avendo recepito la direttiva europea 2012/27 sull’efficienza energetica, se non si vogliono rischiare procedimenti di infrazione ora è necessario che Bruxelles dia il suo via libera, anche informale, alla proroga. Diversamente, e comunque finché non arriva l’Ok dell’Ue, nessun nuovo termine può entrare in vigore: pertanto controlli e sanzioni sono perfettamente legittimi.

Chi non è in regola, in Lombardia sicuramente quindi sta correndo un rischio. Regione Lombardia, inoltre, in riferimento all’obbligo anche di copertura da fonti rinnovabili, posticipando di un anno l’aumento dal 35% al 50% dell’obiettivo di rinnovabili termiche per i nuovi edifici e le ristrutturazioni rilevanti, ha precisato che la stessa vale unicamente nei casi di ristrutturazione di edifici con superficie utile superiore a 1.000 mq che non ricadono anche nella definizione di ristrutturazione importante di primo livello.

In ogni caso per i condomini l’obbligo resta, e doveva essere rispettato entro lo scorso 31 dicembre.

La decisione di prorogare i termini, arrivata l’ultimo giorno dell’anno per mettere in salvo i ritardatari, di certo non avrà fatto contenti coloro che, nel rispetto della legge vigente, si sono impegnati negli ultimi mesi del 2016 per dotarsi dei dispositivi di contabilizzazione e termoregolazione, magari sopportando disagi per via del poco tempo a disposizione e della carenza di prodotti e manodopera. In molti casi infatti si è arrivati a installare le valvole termostatiche quando gli impianti di riscaldamento erano già in funzione: ciò ha reso necessario lo spegnimento dell’impianto termico e lo svuotamento del circuito, obbligando i residenti ad accollarsi costi maggiori e un paio di giornate al freddo.

Inoltre, anche il 30 giugno, data scelta come nuova scadenza, lascia perplessi. L’installazione delle valvole termostatiche, infatti, avviene normalmente durante i mesi estivi, vista la necessità di dover lavorare a impianti spenti e termosifoni vuoti. A conti fatti, quindi, la proroga al 30 giugno dà solo un paio di mesi in più per la realizzazione dei lavori. Se rimandare la scadenza era davvero fondamentale, perché allora fissarla nel bel mezzo dell’unico periodo utile per i lavori di adeguamento? Non sarebbe stato meglio lasciare a disposizione di utenti e aziende i sei mesi con riscaldamento spento per ultimare le opere? Tutto questo, però, non varrebbe per Lombardia.

Tag

ARTICOLICORRELATI

Acquisto contro affitto: comprare casa co...

Prendere in affitto o comperare casa? Investire, pagando un mutuo per 20-25 anni, e alla fine diventare proprietario, oppure pagare ...

Continua a leggere

Denuncia inizio lavori: semplificazioni i...

Nuovo passo avanti lungo il cammino della semplificazione per le pratiche edilizie. Dopo la prima innovazione introdotta dal governo e ...

Continua a leggere

chicercacasa
quilatrova